Fare economia circolare con il riciclo tessile: la mappa delle sartorie sociali in Italia

Dalla Fondazione Progetto Legalità Onlus nasce una piattaforma per mappare e diffondere il lavoro delle sartorie sociali che promuovono inclusione ed economia circolare.

Nel momento in cui scriviamo, sono quindici le Sartorie Sociali segnalate sulla mappa creata dalla Fondazione Progetto Legalità di Palermo alla fine del 2019. Uno strumento a disposizione di tutti i progetti che si occupano di inclusione e cura della persona attraverso il cucito e il riciclo tessile.

Progetti che danno una seconda vita ad abiti e tessuti per dare una seconda opportunità di crescita personale e riscatto sociale a chi vive in condizioni di marginalità o fragilità.

Così come non esistono tessuti di scarto, perché ogni brandello di stoffa può trovare nuove forme e nuove collocazioni, allo stesso modo non esistono storie personali inutili e irrecuperabili, a partire dalle quali non sia possibile cominciare un percorso di rinnovamento.

Al contrario: il progresso e l’innovazione, tanto nei materiali quanto nella propria vita, nascono sempre da un salto, dal coraggio chi ha saputo dare all’esistente un volto nuovo.

E così, nelle sartorie sociali, le trame materiali della stoffa si intrecciano alle storie immateriali delle persone, dando vita ad abiti e accessori dal grande contenuto etico. Nello stesso tempo, la persona coinvolta nell’attività creativa sente di fare qualcosa di importante per sé, per gli altri e per l’ambiente.

Ma che cosa rende una sartoria “sociale”?

La Fondazione Progetto Legalità ha provato a spiegarlo, anzi a mostrarlo, con le immagini e le voci di chi porta avanti questo tipo di progetto a Palermo: il Lab Zen 2 e la Sartoria Sociale:

La mappa delle sartorie sociali è in continuo aggiornamento ed è aperta, gratuitamente, a chiunque voglia farne richiesta.

L’iniziativa si colloca nell’ambito del progetto “Sartoria sociale: ricucire il territorio” sostenuto dalla Fondazione CON IL SUD. Il progetto ha come capofila la nostra Sartoria Sociale e come partner la Fondazione Progetto Legalità e il Consorzio Arca.

Condividi questo post